Biscotti Sardi

0 0
Biscotti Sardi

Condividi sul tuo social network:

Oppure si può semplicemente copiare e condividere questo url

Ingredienti

1 kg di farina
400 gr di zucchero
200 gr di strutto
2 bustine di vanillina
1 limoni (scorza)
1 piattino di zucchero semolato (per farcire i biscotti prima di infornarli)

La ricetta dei biscotti sardi mi è stata data dalla mia nonna (classe 1908) ed è un dolce che si preparava in tutte le occasioni poiché adatto sia a fine pasto, con un bicchiere di moscato, ma immancabile anche in tutte le altre feste familiari o in altre ricorrenze accompagnato agli altri dolci più “corposi” come quelli a base di mandorle o di ricotta.
100 anni dopo posso affermare con certezza che sono molto apprezzati per il the o per la colazione o per una gustosa merenda sia dai grandi che dai bambini poiché sani, rustici e genuini e ovviamente perché molto buoni!

Cucina:

    Ingredienti

    Istruzioni

    Condividi

    La preparazione di questi biscotti è molto semplice:
    Gli ingredienti vanno mescolati in ordine sparso in un recipiente piuttosto capiente. Mescolare e impastare con le mani cercando di incorporare al meglio la farina agli altri ingredienti sopratutto quelli umidi. Non perdete la pazienza ma continuate per una decina di minuti finché non si formerà una palla (tale passaggio può essere fatto anche con la planetaria).
    Mettete la pasta in frigorifero giusto il tempo di accendere il forno, preparare la piastra del forno con della carta e scegliere le vostre formine preferite. Preparate un piatto piano con dello zucchero semolato nel quale poggerete i biscotti prima di infornarli.

    Stendete col matterello parte della frolla fino allo spessore desiderato (non troppo alto in quanto considerate che si gonfieranno in cottura per via del lievito) e con le formine create i biscotti che adagerete nel piatto con lo zucchero per poi poggiarli sulla teglia con la parte zuccherata rivolta verso l’alto. Continuare così fino al termine della pasta. Infornate a 180-200° per 15 minuti ma controllate poiché il forno diverso ne influenza la tempistica di qualche minuto. Di solito il profumo che si sprigiona è sinonimo di avvenuta cottura.
    Una volta sfornati aspettate qualche minuto prima di riporli in una scatola di latta dove si conserveranno per una quindicina di giorni.

    Grazie alla mia carissima amica Maristella Pisu per questa splendida ricetta.

     

    precedente
    Torta all’uvetta
    Pagina successiva
    Ciambelline doppie alla marmellata
    precedente
    Torta all’uvetta
    Pagina successiva
    Ciambelline doppie alla marmellata

    Aggiungi Il Tuo Commento